Connect with us

PC

HP Pavilion X2 12 – Recensione

Pubblicato

il

Il mercato dei 2-in-1 è cresciuto a dismisura negli ultimi anni: diversi sono i produttori che si sono cimentati in questo settore.

La loro facilità d’uso, insieme al fatto che possono essere trasformati in tablet secondo le esigenze, ha attirato l’attenzione di tantissimi utenti.

Versatilità e potenza sono alcune delle caratteristiche essenziali al giorno d’oggi: perché dover scegliere tra la compattezza di un tablet, o la potenza di un portatile?

I 2-in-1 rispondono proprio a questa domanda.

Acer, Asus, Microsoft, Lenovo, HP: tutte queste aziende hanno proposto nel corso degli anni diversi dispositivi. Fascia bassa, media, alta: ce n’è per tutti i gusti.

In particolar modo, HP si è distinta dalla concorrenza con un computer in grado di eccellere non solo per la qualità costruttiva, ma anche per l’incredibile fluidità.

Stiamo parlando di HP Pavilion X2 12.

Lo abbiamo testato a lungo, e ne siamo rimasti davvero stupiti.

Volete saperne di più? Allora continuate nella lettura!

 

Elegante come un’opera d’arte

HP Pavilion X2 12.7

HP Pavilion X2 12 balza subito all’occhio grazie al suo design unico: l’imponente schermo da 12 pollici crea, insieme alle casse audio poste ai lati, una certa armonia tra i vari elementi.

Le dimensioni del tablet sono piuttosto contenute: 30 x 21 x 0,84 cm. Questo, più il peso di soli 0,76 kg (solo tablet), rendono questo X2 12 veramente leggero e facilmente trasportabile. Altri prodotti, infatti, non riescono a trovare un giusto compromesso, risultando  difficile tenere il tablet in mano già dopo pochi minuti

Anche la tastiera presenta una particolare attenzione ai dettagli. Abbiamo apprezzato soprattutto come la corsa tra i vari tasti sia adeguata alle dimensioni, risultando facile scrivere anche con una digitazione veloce. Da notare anche che i tasti Caps Lock e Mute sono provvisti di piccoli LED che informano l’utente quando questi sono attivi. Una piccola chicca che sopperisce in parte all’assenza di una tastiera retro illuminata.

Il touchpad, inoltre, possiede una buona precisione, supportando anche le varie gesture di Windows.

Tutti gli ingressi e le uscite, da quello USB, passando per le microSD e HDMI, sono sistemati ai lati del main body del prodotto. Troviamo, quindi:

Parte sinistra:

  • Bilanciere del volume;
  • Ingresso USB 2.0;
  • Jack audio per cuffie.

HP Pavilion X2 12.3

Parte Destra:

  • USB Type-C;
  • Usciti mini HDMI;
  • Ingresso microSD.

HP Pavilion X2 12.4

Il tasto per l’accensione e lo spegnimento lo troviamo, invece, sulla parte superiore a sinistra.

Il tutto è predisposto in modo da non incidere sulla larghezza del dispositivo. Forse si poteva sfruttare anche lo spazio messo a disposizione dalla tastiera, includendo un’ulteriore porta USB.

Ciò che però non ci ha del tutto convinto è l’aggancio tra il tablet e la tastiera. Benché pur aprendolo alla massima angolazione l’X12 non tenda a ribaltarsi su una superficie piana, lo schermo tende a ballare eccessivamente, soprattutto se lo si trasporta con la tastiera agganciata. Questo dà anche un senso di fragilità, fornendo anche una certa instabilità nel caso dovessimo mettere l’X12, per esempio, sulle nostre gambe.

 

Potenza sempre a portata di mano

Sul fronte hardware, la versione da noi testata (b000nl), presenta delle caratteristiche davvero molto buone.  Ve le riportiamo di seguito:

  • Processore: Intel Core m3-6Y30 con boost fino a 2,2 GHz;
  • RAM: 4 GB;
  • Sistema operativo: Windows 10;
  • Scheda Grafica: Intel HD Graphics 515;
  • Schermo: FULL HD LCD da 12” con risoluzione 1920 x 1280;
  • Memoria interna: SSD M.2 da 128 GB;
  • Altoparlanti: B&O Play;
  • Batteria: 2 celle da 33 Wh.

Questi sono solo alcuni degli aspetti principali del prodotto.

L’ HP Pavilion X2 12 riesce a gestire diversi programmi senza alcun tipo di rallentamento. Merito dell’accoppiata processore+ram, che riescono a garantire una fluidità davvero ottima.

Che stiate navigando in internet, utilizzando Office, programmi per l’editing video e videogiochi, l’X2 12 riuscirà a soddisfare le vostre esigenze nella maggior parte dei casi. L’SSD Samsung, infatti, garantisce un avviamento veloce.

Detto ciò, i programmi più pesanti, come appunto quelli per l’editing video o grafico, subiscono netti rallentamenti soprattutto durante il rendering. Bisogna comunque tener presente che stiamo parlando di un 2-in-1, che riesce sì a distinguersi dalla concorrenza, ma che in questo modello presenta comunque delle limitazioni.

In compenso, è possibile tenere aperti in combo programmi piu “leggeri” senza particolari freeze o quant’altro.

HP Pavilion X2 12.6

Per quanto riguarda i videogame, il 2-in-1 riesce a difendersi piuttosto bene. Il più delle volte riuscirete a giocare a titoli come Bioshock Infinite, Rebel Galaxy, Metro 2033 e Last Light, Devil May Cry, anche al massimo delle impostazioni. Potrebbe verificarsi qualche calo di frame rate, ma niente di particolarmente eclatante.

Con videogame più recenti, con dei requisiti minimi elevati, qualche difficoltà la troverete. The Crew, per esempio, farà fatica a girare su questo dispositivo se non con delle impostazioni basse. Un po’ meglio ReCore, che riesce comunque ad essere goduto anche con impostazioni medie. Fuori questione, invece, titoli come Forza 6 Apex, Forza Horizon, Gears of War 4 ed altri giochi che richiedono un hardware piuttosto performante.

Infine, l’ HP Pavilion X2 12 mette a disposizione anche un pennino con tecnologia WACOM. Esso riesce ad essere molto preciso e sensibile, grazie anche ai vari livelli di pressione che garantiscono la massima libertà. Utile soprattutto per chi utilizza programmi grafici.

 

Tablet o PC? 

HP Pavilion X2 12.2

Il software che troviamo a disposizione è quello di Windows 10.

Passare dalla modalità tablet a quella pc risulta molto veloce e senza alcun tipo di rallentamento. Il sistema, infatti, riesce a riconoscere subito quando la tastiera è attaccata o meno. In altri dispositivi, soprattutto in quelli di fascia medio-bassa, era possibile notare dei lag nel riconoscimento.

Anche durante la gestione di due schermi il software non dà cenno di cedimenti se non le situazioni più congestionate.

Lo storage interno da 128 GB, almeno per quanto riguarda questa versione, limita un po’ la scelta dei programmi da installare, pur essendo espandibile tramite micro SD.

L’unica cosa che abbiamo notato è stato un leggero riscaldamento negli utilizzi più intensi.

 

Quasi come essere al cinema

HP Pavilion X2 12.5

Sul versante dell’intrattenimento multimediale, l’ HP Pavilion X2 12 eccelle sotto quasi tutti gli aspetti.

Lo schermo FULL HD con tecnologia IPS permette buoni angoli di visione. Il livello di dettaglio è davvero ottimo ed i colori non risultano troppo saturi. Il display permette di godere contenuti fino ad una risoluzione di 1440p senza problemi. Qualche piccolo scatto lo si ha, invece, nel 4k, a dimostrazione del fatto che basterebbe un hardware poco più potente per vedere contenuti di questo genere.

Passando alla lettura, lo schermo riesce a difendersi molto bene sia a luminosità alte che basse. Difficilmente affaticherete la vista, anche dopo lunghe sessioni.

L’audio è buono. Abbiamo apprezzato la scelte di posizionare gli altoparlanti ai lati dello schermo. Spesso, infatti, accade che essi siano posizionati nella parte inferiore. Certo, c’è il rischio di coprirne una parte durante l’utilizzo nella forma tablet. In compenso, il suono è molto pulito. Dovrete comunque tenere in considerazione che non potete aspettarvi dei bassi incredibili.

In tutto questo, la batteria ci ha soddisfatto a metà. La autonomia, come sempre, varia molto a secondo dei programmi e dell’utilizzo che si fa del dispositivo. A luminosità minima, navigando in internet e utilizzando qualche programma come Word, potremo arrivare tranquillamente a fine giornata (8-9 ore). Questo senza tener conto di software più pesanti. A luminosità alta, invece, l’arco temporale diminuisce drasticamente, garantendo circa 4-5 ore di utilizzo.

 

Sfida superata

HP Pavilion X2 12.8

HP Pavilion X2 12 si presenta come un prodotto adatto alla maggior parte di utenti: chi per studio, chi per lavoro, chi per leggere, chi per giocare.

Il 2-in-1 riesce nell’intento di dare ai consumatori un prodotto di qualità. E’ capace di stupire sia per la qualità dei materiali utilizzati, sia per la sua velocità nell’eseguire le più svariate operazioni.

Un device completo, che nella confezione d’acquisto, oltre alla tastiera, include anche un pennino, rendendolo davvero molto competitivo sul mercato. Certo, il prezzo non è accessibile a tutti (700 euro), ma vi possiamo assicurare che il costo è conforme con ciò che il dispositivo ha da offrire.