Connect with us

APPLE

Come utilizzare Google Assistant su iPhone

Pubblicato

il

Ehi Siri, Ok Google.

Chi come me ha avuto modo di utilizzare sia iPhone che dispositivi Android, avrà notato quanto Google Assistant sia semplicemente più intelligente di Siri nel maggior parte dei casi.

Non è un mistero, infatti, che Siri risulti il più delle volte meno smart dei competitors, oltre che nettamente più limitato per ciò che riguarda funzioni e possibilità.

Grazie Siri

Non che Apple non ci stia provando a migliorare la cara Siri, però, insomma, i risultati sono quello che sono.

Da diverso tempo, però, è disponibile l’app Assistente Google per iOS, che altro non è che il tentativo di inserire Assistant in iPhone. A causa delle politiche di Apple, però, questa soluzione non ha rappresentato un vero sostituito di Siri. Almeno, fino ad oggi!

Da qualche ora, infatti, è disponibile un aggiornamento di Assistant che cambia tutto. E lo fa, guarda un po’, proprio grazie a Siri.

Ok Google su iPhone

Forse non tutti lo sanno, ma con l’avvento di iOS 12, Apple ha realizzato un software – Siri Shortcuts – che permette di utilizzare il comando Ehi Siri per avviare applicazioni, o far semplicemente svolgere determinate azioni al vostro iPhone.

Cosa c’entra questo con Assistant? Beh, da oggi vi basterà dire: Ehi Siri, Ok Google, per lanciare l’assistente Google su iPhone.

Proprio come se aveste un Android.

Funziona bene – sicuramente meglio di Siri – per quanto il processo in prima battuta sia un po’ lento. Infatti, nel momento in cui lanciate il trigger, ovvero la frase Ehi Siri, Ok Google, Siri avvierà l’app Assistant che comincerà ad ascoltarvi.

Fare tutto ciò, ad ogni modo, è semplicissimo. Infatti, non dovete fare altro che scaricare Siri Shortcuts e Assistente Google. In seguito, basterà selezionare l’opzione – che apparirà già nella home – aggiungi scorciatoia Siri, dalla app di Google. Ecco qui: Ok Google sul vostro iPhone. 

Insomma, alla fine abbiamo trovato – forse – una vera utilità per Siri, che nel frattempo si sta lentamente trasformando nell’Internet Explorer degli assistenti virtuali.